Passa ai contenuti principali

"Penso positivo ma non vuol dire che non ci vedo"

Per una definizione di psicologia positiva oltre il senso comune


Martin Seligman, il fondatore della psicologia positiva, l'ha definita come "lo studio scientifico del funzionamento ottimale dell'uomo, il cui obiettivo è scoprire e favorire i fattori che permettono agli individui e alle comunità di prosperare". 

La psicologia positiva è quindi la scienza della felicità, del benessere e del flourishing.

Nonostante vi sia quindi una definizione chiara di quest'area della psicologia, molti sono i falsi miti e le semplificazioni che le ruotano intorno. 

"Psicologia positiva? Potrebbe spiegartela mia zia" 

Dal momento che i temi della psicologia positiva sono facilmente sperimentabili nella quotidianità e sono sicuramente familiari poiché già incontrati in altri ambiti ed esperienze, si tende a sottovalutare questa disciplina, paragonandola al senso comune. 

La realtà è che anche la psicologia positiva è una scienza e come tale si basa sul metodo scientifico e tutto ciò che questo comporta. 

Ciò che la caratterizza è l'attenzione alla promozione della salute e del benessere, grazie allo studio delle potenzialità e delle risorse degli individui. 

"La psicologia positiva è come l'oroscopo, utilizza ricette generali e adattabili a chiunque"

Visto che la psicologia positiva fornisce, a partire da risultati oggettivi, anche modi concreti per lavorare sulle proprie risorse e potenzialità, ad esempio sui propri punti di forza, si tende a credere che venga sacrificata l'unicità delle persone a cui si rivolge, offrendo soluzioni generali. 

In realtà, la psicologia positiva si fonda sull'idea di benessere soggettivo. Questo significa comprendere e considerare che a parità di condizioni, il grado di benessere sperimentato dagli individui è differente, ed è proprio per questo che è importante approfondire la soggettività degli individui.
I destinatari a cui si rivolge sono inoltre attivi costruttori della propria felicità. 

"La psicologia positiva si scontra con le altre teorie"

Siamo abituati a sentir parlare di  psicologia quasi unicamente riducendola alla psicoanalisi e  alla psicoterapia. Nulla di più sbagliato! 

La psicologia non si sofferma infatti solo sulle patologie e sul dolore, ma ha come campo di indagine tutte le aree del comportamento umano e dei processi mentali

A partire da questa premessa, è bene sapere che esistono, data la complessità dell'oggetto, moltissime aree di indagine e di intervento che approfondiscono il comportamento umano utilizzando "lenti" diverse.


In questo caso, la psicologia positiva si sofferma sulle risorse e sulle potenzialità dell’individuo spostando l’attenzione dal riparare ciò che non funziona al costruire qualità positive per potenziare preventivamente le capacità personali di resistenza ed adattamento.


"La psicologia positiva è per chi non conosce il mondo reale"


La psicologia positiva, è ben lontana dal pensiero positivo ingenuo. 

Non consiste nello sperare che andrà tutto bene negando le sofferenze della vita, ma al contrario porta ad affrontare le sfide dell'esistenza in maniera adattiva e funzionale al mantenimento della salute e del benessere. 

Ascolta la Happy-List qui
TITOLO : Penso positivo, Jovanotti

FONTI:
Ilona Boniwell. Scienza della felicità: introduzione alla psicologia positiva, Il Mulino

Feldman, R. S., Amoretti, G., & Ciceri, M. (2017). Psicologia positiva e benessere. In Psicologia Generale (p. 386-413). Milano: McGraw-Hill

Commenti

Post popolari in questo blog

Comprare un ukulele: il primo passo verso la flow experience

Lo strumento della spensieratezza e della compagnia: un modo per sperimentare la flow experience   Senza una motivazione specifica, da qualche giorno avevo in testa l'idea di comprarmi un ukulele ; così non pensandoci troppo, dopo aver passato un esame, ho acquistato questo strumento.  Ho sempre pensato che gli strumenti a corde fossero molto difficili da suonare, ed ero soprattuto convinta che senza prendere lezioni ci volesse molto tempo per imparare a maneggiarli adeguatamente.  Mi sono dovuta ricredere, ed oggi sono entusiasta di essermi sbagliata.   Aver imparato a suonare gli accordi principali e poterci cantare sopra, dona alle mie giornate un momento di flow e di leggerezza. Link che potrebbero essere utili per entrare nel mondo dell'ukulele :  Ukulele: descrizione e caratteristiche base   e   La marca del mio ukulele soprano e tante storie . SEMPLICE, ECONOMICO, LEGGERO Questi i tre aggettivi che sceglierei per descrivere il mio "Lele".   Devo ammettere che n

"E ridere di ogni problema, mentre chi odia trema"

Gli stili umoristici positivi come possibile strategia di coping  Humor e psicologia L'umorismo fa parte da sempre del bagaglio esperienziale umano: tutti sanno di  cosa si tratta e ne hanno fatto esperienza in diverse situazioni della vita e in ogni  epoca, e forse proprio per questo è così complesso e multiforme . Definire l’umorismo risulta difficile  dal momento che, rientrando nella quotidianità, spesso viene utilizzato come sinonimo di numerose altre parole, con accezioni non sempre corrette.  In quanto elemento presente nella vita di tutti i giorni e che si esprime in svariati  modi e situazioni, l’umorismo gioca un ruolo non trascurabile nella vita dell’uomo  e incontra necessariamente la psicologia. Le “lenti” con cui tratteremo il tema dell’umorismo  sono ovviamente quelle della psicologia positiva , che lo vede non solo come un fenomeno  cognitivo, emotivo e sociale, ma anche come una possibile fonte di benessere per  gli individui. Gli Stili Umoristici  Non vi è quind

"Comunque andare": partire per star bene

Il viaggio come promotore di benessere: parti, esplora, buttati.  "Comunque andare, anche quando ti senti morire,  per non restare a fare niente aspettando la fine Andare, perchè ferma non sai stare,  ti ostinerai a cercare la luce sul fondo delle cose." Comunque andare , Alessandra Amoroso Il potere dell'azione Una delle caratteristiche del malessere è la staticità .  Quando siamo indecisi, preoccupati, annoiati o tristi, il più delle volte ci sentiamo fermi, bloccati, intrappolati.  Non a caso la mancanza di interesse e di energie per svolgere qualsiasi attività e l'incapacità di agire, rientrano nel quadro clinico della depressione. Ti è mai capitato di dover prendere una decisione e restare a pensarci per ore , ad esempio a casa affogando nei pensieri, per poi magari scambiare due chiacchiere con qualcuno e improvvisamente decidere cosa fare?  Oppure di non essere ispirato per un progetto o per lo studio, e una volta uscito di casa per fare (che so) la spesa, di