Passa ai contenuti principali

"Nessuno mi può giudicare"... Nemmeno Instagram?

Riflessioni per preservare il nostro "benessere digitale" dai possibili effetti negativi di Instagram

Sentiamo sempre più spesso parlare di un aumento di conseguenze negative riguardo al cattivo uso dei più svariati social network, fenomeno che interessa non solo gli adolescenti ma anche gli adulti

Molti sono gli studi e le informazioni riguardanti i disturbi legati ad un eccessivo utilizzo di internet e le evidenti correlazioni tra questo e l'insorgere di stati emotivi negativi o di malessere psicologico. 

In questo articolo ci concentreremo però su come diventare maggiormente consapevoli di alcune dinamiche ormai inevitabili e su come non cadere (in maniera eccessiva) nella "trappola della rete".

Entrare nel mondo di Instagram

Ormai da qualche anno, tra i social network più utilizzati a livello globale, sentiamo parlare di Instagram
Questa piattaforma è in continua evoluzione e permette agli utenti di pubblicare foto sul proprio profilo in maniera semplice ed intuitiva, ma le sue funzioni non finiscono qui. 

Maggiori informazioni su Instagram qui

La chiave di Instagram sembrerebbe quindi "condividere". Condividere momenti passati, ma anche anche in tempo reale: dove si è, cosa si fa, con chi si va d'accordo, che musica si ascolta, cosa si mangia, se si è ad una festa o in qualche isola tropicale...

Incorriamo così in un problema non banale: ciò che condividiamo e che vediamo sui profili altrui è la vita vera? Qual'è la relazione tra "vita virtuale" e vita reale?

Dobbiamo sempre ricordarci che ciò che vediamo sui social è ciò che le persone scelgono di mostrarci ed è in ogni caso solo una parte della loro vita;  questo ha inevitabilmente delle conseguenze sul nostro modo di considerare gli altri e noi stessi. 

Un altro aspetto alla base di questo social network, presente fin dalla sua nascita, è la possibilità di esprimere l'apprezzamento di un contenuto: il like. Senza neanche accorgersene "ricevere tanti like" diventa la conferma che ciò che siamo, ciò che facciamo, e non più solo ciò che mostriamo, va bene ed è accettato

Pensiamo quindi a che cosa potrebbe succedere a molte persone nel notare di ricevere pochi like; secondo questo ragionamento potrebbero arrivare alla conclusione che ciò che fanno e ciò che sono non abbiano valore

Il tutto si complica da quando Instagram è diventato anche un modo per chattare, fare dirette, lavorare, modificare la propria immagine... 

Vediamo quindi come possiamo fare in modo che sia la tecnologia ad adattarsi ai nostri bisogni, alle nostre esigenze e al nostro benessere, e non viceversa noi ad essere dipendenti e sopraffatti dai social network.

Prevenire e contrastare l'insoddisfazione corporea

La possibilità di scorrere e vedere un grande numero di immagini porta sempre di più a focalizzarsi sull'aspetto fisico delle persone. La ricerca conferma che gli effetti di avere sotto gli occhi "corpi perfetti" ogni giorno, di personaggi famosi ma anche di amici e colleghi, colpiscono tutta la popolazione, in particolare quella femminile e portano spesso all'insorgere di disturbi legati alla considerazione della propria immagine corporea

Da sempre i media propongono ideali di bellezza a cui ispirarsi, ma i social network amplificano la comparsa di sentimenti di inadeguatezza

Per affrontare queste sensazioni innegabili, che seppur in misura differente colpiscono ognuno di noi, è interessante sapere che stanno nascendo numerose iniziative, anche sulla piattaforma stessa, dalle quali sicuramente si può prendere spunto per combattere l'insoddisfazione corporea. 

Un movimento che si fa sempre più strada è il body positivity: numerose ragazze hanno deciso di ribellarsi ai tabù e ai canoni della società pubblicando sui social i loro corpi reali, senza filtri , con una particolare attenzione all'accettazione del proprio corpo ma anche di quello degli altri. Questo fenomeno chiama in causa diversi aspetti delicati della vita e spinge le persone a condividerne anche limiti e i difetti facendoli diventare punti di forza e rendendo i social uno strumento positivo, di confronto e sostegno. 

Uno studio ha indagato l'effetto di un altro trend che consisteva nel postare foto di "instagram vs reality", quindi di accostare foto ritoccate a foto reali. 

I risultati hanno dimostrato come il vedere foto reali o foto di confronto "instagram vs reality" fosse correlato ad una diminuzione dell'insoddisfazione corporea, fattore che invece aumentava nell'esposizione a foto di corpi ideali. 

Verso un utilizzo attivo del proprio tempo

Un altro aspetto che è stato ampiamente studiato, riguarda il fatto che più tempo passiamo sui social, maggior malessere sperimentiamo. 

Dagli studi emerge che la causa del "lato oscuro di instagram" è  l'utilizzo passivo del social, che indica lo scorrere senza obiettivi le foto e i video nella home, perdendo la concezione del tempo e non ricordando nemmeno i contenuti visualizzati. 

Questo utilizzo passivo del tempo sui social non può che portare a sentimenti di frustrazione e impotenza

Questo sembrerebbe legato anche ad un estraniarsi dalla vita reale per stare sui social a guardare la vita degli altri.

Come non perdersi quindi la vita vera? Come far andare coerentemente d'accordo la nostra quotidianità con instagram? 

Ecco alcuni consigli pratici che riassumono ciò che abbiamo detto:

1. Segui profili che ti fanno stare bene, che mostrano la realtà e che trattano argomenti interessanti: ti consiglio ad esempio Giorgia ColellaFrancesca MittoniElena e Maria Chiara Paoloni; in base a ciò che ti è più vicino seleziona chi seguire, noterai che alcuni profili possono realmente farti stare bene.

2. Prova a non usare filtri e a non modificare le foto: ritoccare i propri difetti e non mostrarli sul profilo, non li cancellerà dalla vita reale, inoltre se ti abitui a vederti senza imperfezioni sarà sempre più difficile accettarti nella realtà. 

3. Tieni traccia di ogni volta in cui ti paragoni agli altri e cerca di accettare questa cosa e andare avanti, sicuramente alla base di questo vi è un lavoro su sè stessi da portare avanti o da iniziare. Se a volte ti senti inadeguato saprai che è normale e potrai concentrarti su ciò che è davvero è importante.

4. Inserisci un timer (Instagram lo fornisce) che ti avvisi quando superi un tempo di utilizzo del social da te impostato. In alternativa, puoi aprire Instagram in determinate fasce orarie. 

5. Cerca di utilizzare in maniera attiva il tuo profilo, arricchiscilo di contenuti che ti interessano , di momenti che un giorno vorrai guardare e ricordare perchè veri ricordi e non solo apparenza.

6. Sfrutta gli strumenti che Instagram di mette a disposizione, come la possibilità di mostrare alcuni contenuti ai soli amici stretti, o  di impostare un profilo privato

7. I social non sono la vita reale, ripetitelo sempre e soprattuto ricordatelo quando ti senti felice e ti dimentichi di postarlo sui social, perchè quella è probabilmente la vera felicità. 


Segui psy.list su instagram


Per approfondire:
Psicologia di Instagram Riva e Malighetti

Canzone del titolo:
Nessuno mi può giudicare, Caterina Caselli

FONTI:
Tiggemann, M., & Anderberg, I. (2020). Social media is not real: The effect of ‘Instagram vs reality’ images on women’s social comparison and body image. New Media & Society, 22(12), 2183–2199. 
Sarah E. McComb, Keisha C. Gobin, Jennifer S. Mills,The effects of self-disclaimer Instagram captions on young women's mood and body image: The moderating effect of participants’ own photo manipulation practices,Body Image,Volume 38,2021,Pages 251-261,
Moretta, T., & Buodo, G. (2021). Response inhibition in problematic social network sites use: an ERP study. Cognitive, Affecti & Behavioral Neuroscience21(4), 868-880.


Commenti

Post popolari in questo blog

Comprare un ukulele: il primo passo verso la flow experience

Lo strumento della spensieratezza e della compagnia: un modo per sperimentare la flow experience   Senza una motivazione specifica, da qualche giorno avevo in testa l'idea di comprarmi un ukulele ; così non pensandoci troppo, dopo aver passato un esame, ho acquistato questo strumento.  Ho sempre pensato che gli strumenti a corde fossero molto difficili da suonare, ed ero soprattuto convinta che senza prendere lezioni ci volesse molto tempo per imparare a maneggiarli adeguatamente.  Mi sono dovuta ricredere, ed oggi sono entusiasta di essermi sbagliata.   Aver imparato a suonare gli accordi principali e poterci cantare sopra, dona alle mie giornate un momento di flow e di leggerezza. Link che potrebbero essere utili per entrare nel mondo dell'ukulele :  Ukulele: descrizione e caratteristiche base   e   La marca del mio ukulele soprano e tante storie . SEMPLICE, ECONOMICO, LEGGERO Questi i tre aggettivi che sceglierei per descrivere il mio "Lele".   Devo ammettere che n

"E ridere di ogni problema, mentre chi odia trema"

Gli stili umoristici positivi come possibile strategia di coping  Humor e psicologia L'umorismo fa parte da sempre del bagaglio esperienziale umano: tutti sanno di  cosa si tratta e ne hanno fatto esperienza in diverse situazioni della vita e in ogni  epoca, e forse proprio per questo è così complesso e multiforme . Definire l’umorismo risulta difficile  dal momento che, rientrando nella quotidianità, spesso viene utilizzato come sinonimo di numerose altre parole, con accezioni non sempre corrette.  In quanto elemento presente nella vita di tutti i giorni e che si esprime in svariati  modi e situazioni, l’umorismo gioca un ruolo non trascurabile nella vita dell’uomo  e incontra necessariamente la psicologia. Le “lenti” con cui tratteremo il tema dell’umorismo  sono ovviamente quelle della psicologia positiva , che lo vede non solo come un fenomeno  cognitivo, emotivo e sociale, ma anche come una possibile fonte di benessere per  gli individui. Gli Stili Umoristici  Non vi è quind

"Comunque andare": partire per star bene

Il viaggio come promotore di benessere: parti, esplora, buttati.  "Comunque andare, anche quando ti senti morire,  per non restare a fare niente aspettando la fine Andare, perchè ferma non sai stare,  ti ostinerai a cercare la luce sul fondo delle cose." Comunque andare , Alessandra Amoroso Il potere dell'azione Una delle caratteristiche del malessere è la staticità .  Quando siamo indecisi, preoccupati, annoiati o tristi, il più delle volte ci sentiamo fermi, bloccati, intrappolati.  Non a caso la mancanza di interesse e di energie per svolgere qualsiasi attività e l'incapacità di agire, rientrano nel quadro clinico della depressione. Ti è mai capitato di dover prendere una decisione e restare a pensarci per ore , ad esempio a casa affogando nei pensieri, per poi magari scambiare due chiacchiere con qualcuno e improvvisamente decidere cosa fare?  Oppure di non essere ispirato per un progetto o per lo studio, e una volta uscito di casa per fare (che so) la spesa, di